Menu' a sinistra

Contenuto


Scrivere il curriculum vitae


Curriculum vitae è un’espressione latina che significa letteralmente percorso della vita e consiste in una  descrizione  dettagliata  della propria carriera formativa e professionale.

 

Obiettivo del curriculum vitae non è ottenere un posto di lavoro, ma accedere a un processo di selezione finalizzato alla ricerca di personale.

 

Il CV può essere necessario anche per iscriversi a corsi di formazione, partecipare a bandi di concorso, ecc..

 

E’ possibile scrivere un curriculum vitae in tanti modi diversi, ma esistono alcune regole comuni. Il CV deve essere:

 

• Scritto su file con un carattere standard (sobrio e professionale)
• Organizzato per blocchi di argomenti
• Corretto (niente errori ortografici o sintattici)
• Breve (il CV di un neolaureato dovrebbe stare in 2 pagine)

 

Il CV deve avere la struttura di uno schema articolato in sezioni che suddividono i contenuti. Ecco le sezioni e i contenuti che non devono mai mancare all’interno del curriculum:


• Dati anagrafici
• Esperienze lavorative/professionali
• Istruzione/formazione
• Conoscenze informatiche
• Conoscenze linguistiche

L’ordine in cui sono presentati i contenuti può variare in base alle proprie caratteristiche: se ad esempio non si possiedono forti esperienze lavorative, è bene valorizzare il percorso universitario inserendo, ad esempio, la sezione Istruzione e formazione subito dopo i dati anagrafici.

 

E’ ormai uso comune inserire i contenuti in ordine temporale decrescente, a partire dalle esperienze più recenti, a ritroso nel tempo.

 

I contenuti facoltativi possono essere tanti e variano in base alla loro rilevanza per il lavoro per cui ci si candida o per l’importanza che hanno avuto nella propria storia personale. Ecco alcuni esempi:
• Aspirazioni
• Disponibilità (tipi di contratto, stage, trasferte, trasferimenti ecc...)
• Caratteristiche personali, attitudini, competenze
• Altre esperienze (volontariato, servizio civile, ecc...)
• Interessi e hobby, sport praticati, competenze artistiche, ecc…
• Viaggi
• Referenze
• Pubblicazioni
• ………………

 

Se il CV è destinato al mercato del lavoro italiano, non bisogna mai dimenticare di inserire l’autorizzazione al trattamento dei dati personali, con riferimento al D.Lgs 196/03 e di firmare il curriculum vitae.

 

Se si invia il CV all’estero, non è necessario inserire alcuna liberatoria per la privacy.

 

Per concludere, è bene che il file del CV sia salvato con l’indicazione del nome del proprietario (ad esempio: CV Nome Cognome.pdf )

 

Scheda di approfondimento dal sito degli Informagiovani della regione Emilia Romagna

Colonna destra